Parla come… Baci

L’idea è semplice e geniale. Forse geniale proprio perché semplice. Il Bacio, cioccolatino culto del made in Italy, invenzione che si deve a quella grande donne che è stata Luisa Spagnoli, diventa local. Sono cento infatti i detti e i proverbi popolari che da oggi si troveranno dentro al cioccolatino italiano più famoso al mondo. I cartigli sono infatti scritti in ben 9 dialetti diversi. E’ questo il modo, originalissimo, scelto da Baci Perugina per omaggiare l’Italia e le sue culture, con un’edizione speciale che parla ai giovani

Dal siciliano al genovese fino all’immancabile perugino, sono 9 i dialetti scelti da nord a sud per lanciare la prima edizione della Special Edition “Parla come… Baci”. Baci Perugina racconta la cultura italiana attraverso espressioni uniche e detti popolari della tradizione che solo in dialetto assumono il loro senso vero e originale, e che ancora oggi sono capaci di connettere, identificare, divertire.

I proverbi dialettali sono massime autorali che rispecchiano l’appartenenza a una cultura e a un luogo specifici ma il cui significato è universalmente riconosciuto poiché si rifà ai grandi temi che accomunano tutti: l’amore, l’amicizia, la famiglia, il lavoro e così via. E Baci Perugina, da sempre simbolo di italianità non poteva non omaggiare la ricca e variegata cultura del suo Paese personalizzando non solo i cartigli ma anche l’incarto stesso del Bacio.

Dal napoletanissimo “Ògne scarrafóne è bèll’ ‘a màmma sóia” (Ogni scarafaggio è bello per sua madre) al milanese “I inamoraa guarden minga a spend” (Gli innamorati non badano a spese), Baci Perugina ha selezionato 100 tra detti e proverbi popolari di 9 dialetti diversi: pugliese, genovese, milanese, romano, veneto, siciliano, piemontese, napoletano e perugino. Ogni cartiglio contiene un proverbio diverso in dialetto con la traduzione in italiano, su ogni singolo incarto del cioccolatino invece vi è incisa la traduzione di “bacio” nei dialetti scelti.

La saggezza popolare ha tramandato di generazione in generazione detti che ancora oggi risuonano attuali e veritieri e che spesso sono utilizzati, sia da grandi che da giovani, come intercalari che ravvivano un discorso e che addirittura lo rendono concreto e persuasivo per la forma imperativa e quasi sacrale nella quale sono espressi.

Baci Perugina rivoluziona ancora una volta, il mondo dei cartigli e li fa parlare in dialetto, modalità espressiva sempre più amata dai giovani che ritrovano in essa la maniera per rafforzare la loro appartenenza al luogo d’origine. Lo storico cioccolatino dell’amore universale dedica proprio a loro la Special Edition “Parla come… Baci” per dedicare a chiunque, le mille sfaccettature della vita in modo originale e sorprendente.

E per permettere a tutti di collezionare i cartigli e condividerli con gli amici, Baci Perugina ha creato delle speciali cartoline, da prendere assieme ai cioccolatini, nelle quali inserire i bigliettini e personalizzarle con una frase nel proprio dialetto. Le cartoline si trovano negli espositori delle confezioni della Special Edition, inserite in tasche trasparenti, posizionati all’interno dei punti vendita.

Inoltre, “Parla come… Baci” approda sul sito (www.baciperugina.it) e coinvolgerà tutti gli internauti rendendoli protagonisti e invitandoli a condividere i detti popolari della loro città o regione, creando una vera e propria mappa interattiva dell’Italia.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *